Comune di Civitella in Val di Chiana
Comune di Civitella in Val di Chiana medaglia d'oro al valore civile
giovedý 21 settembre 2017  Meteo Meteo

2 - Luogo Eccidio
2 - Luogo Eccidio Tour virtuale Civitella
Torna al Tour Virtuale

 Italiano
Luogo dell'Eccidio
Dalla testimonianza di un sopravvissuto - Commissione d’inchiesta inglese 15 Novembre 1944 (Reference W0204/1147

“...Mentre eravamo in piazza, fummo perquisiti dai soldati tedeschi che ci presero i portafogli e gli orologi e li misero nelle loro tasche.. Un tedesco gridò in italiano: “cinque”. Allora cinque italiani furono condotti verso il retro della scuola.. Poi si fece avanti un soldato tedesco con una pistola e puntandola sul retro della testa dell’uomo sulla destra della fila, Don Alcide Lazzeri, premette il grilletto.. Allora il tedesco passò lungo la linea dietro agli italiani da destra a sinistra.. In piazza ci riunirono in gruppi di cinque e fummo condotti verso il retro della scuola.. Allora vidi lo stesso tedesco.. Alzò il revolver.. Vidi Tiezzi Daniele, che era uno dei cinque nella fila, buttarsi sulla sinistra e correre.. Io ero il secondo da sinistra.. Era arrivato il mio turno.. Vidi puntare il revolver contro la mia testa.. Io mi misi le mani ai lati della mia faccia e.. Girai la testa a sinistra.. Immediatamente sentii un dolore lancinante in tutte e due le mani, nella faccia, nella bocca e nella gola, e rendendomi conto che ero ancora vivo, scivolai per terra e giacqui li fingendomi morto.. (Bartolucci Gino)

Inglese
Site of the massacre
From the testimony of a survivor English inquiry commission 15th. November, 1944 (reference W0204/11479)

 “While we were in the square, we were frisked by German soldiers who took our wallets and our watches and put them in their pockets. A German screamed in Italian: “Cinque! (Five)” So five Italians were led towards the backyard of the school. Then a German soldier came ahead with a gun and aimed it to the back of the man’s neck who was on the right side of the row, Don Alcide Lazzeri, then he pressed the trigger. The soldier then passed along the line, behind the Italians from right to left. In the square we were grouped in five and led towards the backyard of the school. So, the same German soldier raised his revolver. I saw Tiezzi Daniele, who was one of the five in the row, throw himself to the left and run. I was the second from the left. My turn had arrived. I saw him aiming the revolver to my head. I put my hands on both sides of my face and I turned towards the left. Immediately I felt a piercing pain on both my hands, my face, my mouth and my throat, and, realising that I was still alive, I slid down to the ground and laid there pretending to be dead.” (Bartolucci Gino)


Comune di Civitella in Val di Chiana - 52041 Badia al Pino (AR) Via Settembrini, 21 - Telef. 05754451, Fax 0575445350
E-mail: comune@civichiana.it, PEC civichiana@postacert.toscana.it, IBAN: IT65C0103071451000000135112, CF e PI: 00259290518

Note legali | Privacy

Powered by Artel S.p.a. - http://www.ar-tel.it